Archivio per categoria:"News"

BANDO MIS. 227 – SOSTEGNI INVESTIMENTI PRODUTTIVI
in News
Obiettivi<br> Gli obiettivi specifici della presente misura sono:<br> 1. conservazione della diversità delle specie e degli habitat, tra cui i pascoli steppici, attraverso la tutela e la diffusione di sistemi agricoli e forestali ad "alto valore naturale”;<br> 2. conservazione della diversità genetica vegetale promuovendo l’inserimento di specie/varietà a rischio di estinzione e la creazione di un sistema di mantenimento della biodiversità;<br> 3. tutela degli elementi caratteristici del paesaggio rurale.<br> Dal punto di vista operativo, la misura intende:<br> a) supportare l’avvio dei processi di rinaturalizzazione nei sistemi forestali produttivi a maggiore artificialità, costituiti da specie alloctone a conifere, prevedendo localizzate attività di rinfittimento degli impianti con specie forestali autoctone a minore produttività ma a vantaggio della biodiversità compositiva vegetazionale, oltreché della stabilità e funzionalità dell’ecosistema;<br> b) valorizzare i boschi dal punto di vista ricreativo e turistico.<br> Azione 1 e 3<br> La Misura si applica su tutto il territorio regionale.<br> Sono considerati prioritari i contesti della zone Natura 2000, tenuto conto degli effetti positivi in termini di miglioramento delle caratteristiche del paesaggio e della biodiversità specifica.<br> Azione 2<br> L’ambito applicativo dell’Azione riguarda i boschi da seme individuati dalla Regione, funzionali alla produzione di piantine autoctone, secondo la D.G.R. n.2461/08:<br> recante “Istituzione del registro regionale dei boschi da seme ai sensi del D.Lgs. 386/03” , la Determina Dirigenziale del Servizio Foreste del 21 dicembre 2009 n. 757 “Approvazione dell’elenco complessivo dei boschi e popolamenti boschivi da inserire nel registro dei boschi da seme della regione Puglia” e la Determinazione Dirigenziale del Servizio Foreste del 26 febbraio 20109 n. 65 “Disposizioni attuative per la raccolta ed epoca di raccolta del materiale di moltiplicazione forestale nei boschi e popolamenti boschivi della Regione Puglia”.<br> Beneficiari<br> I beneficiari della misura sono:<br> Regione Puglia, Province, Comuni, Comunità Montane, Enti Parco, privati, singoli ed associati (art. 42, comma 1, Reg.CE 1698/05).<br> Risorse Finanziarie<br> La disponibilità finanziaria complessiva per il presente bando ammonta a 20 milioni di Euro, così...

Leggi tutto
BANDO AGRICOLTURA BIOLOGICA
in News
MIGLIORAMENTO DELL’AMBIENTE E DELLO SPAZIO RURALE<br> MISURA 214 -Pagamenti Agroambientali<br> AZIONE 1- Agricoltura biologica<br> SOGGETTI BENEFICIARI<br> Beneficiari dell’azione sono gli imprenditori agricoli (singoli ed associati) iscritti nel registro delle imprese agricole della CCIAA che, in base ad un legittimo titolo di possesso, conducono aziende agricole.<br> Sono esclusi gli imprenditori titolari di pensione di vecchiaia e gli imprenditori titolari di pensione di anzianità di età superiore ai 65 anni.<br> RISORSE FINANZIARIE<br> La disponibilità finanziaria complessiva per il presente bando ammonta Euro 80.000.000,00.<br> IMPEGNI E DURATA<br> I beneficiari con la domanda di aiuto assumono i seguenti impegni:<br> a) rispettare le tecniche di produzione biologica definite dal Reg. (CE) 834/2007 e s.m.i.(ex Reg. (CE) n. 2092/91 e Reg. (CE) attuativo n. 889/2008 e s.m.i.) per cinque anni a partire dalla data di presentazione della domanda;<br> b) garantire il rispetto delle norme comunitarie, nazionali e regionali vigenti in materia di igiene e sicurezza dei lavoratori dalla data di presentazione della domanda;<br> c) presentare annualmente l’attestato dell’Ente di Certificazione di regolare assoggettamento al sistema di controllo;<br> d) coltivare i terreni che compongono l’azienda nel rispetto delle tecniche di produzione biologica, come disciplinato dalla normativa vigente, anche nel caso che tali terreni ricadano in altre Regioni;<br> e) garantire il rispetto delle norme di condizionalità;<br> f) rispettare la normativa vigente in materia di legale assunzione di manodopera (DURC);<br> LOCALIZZAZIONE<br> Alla presente Azione sono ammessi interventi sull’intero territorio regionale con le seguenti differenziazioni:<br> 1. nelle aree rurali intermedie e nelle aree rurali con problemi complessivi di sviluppo senza alcuna limitazione di superficie;<br> 2. nelle aree rurali ad agricoltura intensiva specializzata è posto un limite minimo di superficie contigua aderente all’impegno pari a 30 ettari per le colture erbacee e a 15 ettari per le colture arboree;<br> PREMI<br> Sono ammessi alla concessione dell’aiuto soltanto le superfici ricadenti nel territorio della Regione Puglia. Sono ammesse a premio le seguenti colture con i relativi importi unitari:<br> REQUISITI DI AMMISSIBILITA’<br> I beneficiari devono possedere...

Leggi tutto
BANDO MIS. 122 – ACCRESCIMENTO ECONOMICO FORESTE
in News
Obiettivi<br> L’obiettivo della Misura è il potenziamento delle produzioni e del livello di competitività del sistema imprenditoriale forestale pugliese attraverso l’adozione di appropriate forme di gestione selvicolturale sostenibile, volte soprattutto alla rivalorizzazione economico-produttiva dei soprassuoli boscati esistenti.<br> Si intende favorire processi di aggregazione gestionale basati su forme associative degli imprenditori forestali.<br> Con la presente misura, oltre a porre le basi per migliorare le condizioni strutturali dei boschi produttivi, si intende anche attivare un processo di aggregazione gestionale finalizzato a migliorare le dotazioni strumentali delle imprese forestali.<br> Gli obiettivi operativi della Misura sono:<br> &#61607; promuovere l’ammodernamento e l’innovazione delle imprese forestali;<br> &#61607; migliorare gli standard di sicurezza sul lavoro;<br> &#61607; innovare la struttura produttiva di settore, incentivando forme di integrazione, cooperazione e associazionismo dei produttori forestali;<br> &#61607; avviare la gestione pianificata dei boschi produttivi;<br> &#61607; migliorare le dotazioni infrastrutturali, quali strade e piste forestali all’interno delle aziende forestali.<br> Gli interventi devono garantire effetti positivi sulla produzione della massa legnosa dei boschi, devono essere conformi, oltre che ai criteri della gestione forestale sostenibile, certificata o meno, alle previsioni degli strumenti pianificatori forestali esistenti.<br><br> Beneficiari<br> I beneficiari delle Misura sono:<br> &#61607; Comuni o loro Associazioni che operano con legittimo titolo di possesso su superfici forestali di proprietà di comuni o privati<br> &#61607; Privati o loro Associazioni che operano con legittimo titolo di possesso su superfici forestali di proprietà di comuni o privati, con regolare iscrizione al registro delle imprese della Camera di commercio.<br> Risorse Finanziarie<br> Ai sensi del presente bando, lo stanziamento di spesa pubblica totale è pari ad euro 12.226.400,00 così suddivisi per azione:<br> Azione 1 : euro 10.000.000,00<br> Azione 2 : euro 2.226.4000,00<br> Il servizio Foreste si riserva la facoltà di rimodulare eventuali economie rinvenienti da budget assegnato a ciascuna azione.<br> Per la realizzazione degli interventi gli aiuti saranno erogati sottoforma di contributo in conto capitale.<br> L’aiuto pubblico è limitato ai seguenti massimali:<br> &#61607; 60% della spesa ammissibile...

Leggi tutto
BANDO MIS. 227 – SOSTEGNI INVESTIMENTI PRODUTTIVI
in News
Obiettivi<br> Gli obiettivi specifici della presente misura sono:<br> 1. conservazione della diversità delle specie e degli habitat, tra cui i pascoli steppici, attraverso la tutela e la diffusione di sistemi agricoli e forestali ad "alto valore naturale”;<br> 2. conservazione della diversità genetica vegetale promuovendo l’inserimento di specie/varietà a rischio di estinzione e la creazione di un sistema di mantenimento della biodiversità;<br> 3. tutela degli elementi caratteristici del paesaggio rurale.<br> Dal punto di vista operativo, la misura intende:<br> a) supportare l’avvio dei processi di rinaturalizzazione nei sistemi forestali produttivi a maggiore artificialità, costituiti da specie alloctone a conifere, prevedendo localizzate attività di rinfittimento degli impianti con specie forestali autoctone a minore produttività ma a vantaggio della biodiversità compositiva vegetazionale, oltreché della stabilità e funzionalità dell’ecosistema;<br> b) valorizzare i boschi dal punto di vista ricreativo e turistico.<br> Azione 1 e 3<br> La Misura si applica su tutto il territorio regionale.<br> Sono considerati prioritari i contesti della zone Natura 2000, tenuto conto degli effetti positivi in termini di miglioramento delle caratteristiche del paesaggio e della biodiversità specifica.<br> Azione 2<br> L’ambito applicativo dell’Azione riguarda i boschi da seme individuati dalla Regione, funzionali alla produzione di piantine autoctone, secondo la D.G.R. n.2461/08:<br> recante “Istituzione del registro regionale dei boschi da seme ai sensi del D.Lgs. 386/03” , la Determina Dirigenziale del Servizio Foreste del 21 dicembre 2009 n. 757 “Approvazione dell’elenco complessivo dei boschi e popolamenti boschivi da inserire nel registro dei boschi da seme della regione Puglia” e la Determinazione Dirigenziale del Servizio Foreste del 26 febbraio 20109 n. 65 “Disposizioni attuative per la raccolta ed epoca di raccolta del materiale di moltiplicazione forestale nei boschi e popolamenti boschivi della Regione Puglia”.<br> Beneficiari<br> I beneficiari della misura sono:<br> Regione Puglia, Province, Comuni, Comunità Montane, Enti Parco, privati, singoli ed associati (art. 42, comma 1, Reg.CE 1698/05).<br> Risorse Finanziarie<br> La disponibilità finanziaria complessiva per il presente bando ammonta a 20 milioni di Euro, così...

Leggi tutto
BANDO MIS. 123 PSR BASILICATA
in News
Trasformazione e commercializzazione dei Prodotti agricoli<br> OBIETTIVI<br><br> L’azione A della misura 123 intende sostenere percorsi di modernizzazione e innovazione dei settori agro-alimentari regionali, migliorando la capacità tecnologica delle imprese e favorendo un maggiore coordinamento lungo le principali filiere produttive<br><br> SETTORI DI INTERVENTO<br> •Filiera ortofrutticola, prodotti freschi trasformati<br> •Filiera cerealicola<br> •Filiera oleicola e olivicola<br> •Filiera vitivinicola<br> •Filiera ortoflorovivaistica<br> •Filiere di nicchia, intese come colture per le quali non sono previste quote/soglie di produzione né regolamentazione di specifica OCM<br> •Miele e altri prodotti dell’apicoltura<br> •Piccoli frutti e funghi<br> •Filiera lattiero casearia<br> •Settore zootecnia da carne<br> •Filiera di zootecnia minore:avicoli di nicchi, bufali, struzzi, selvaggina, cunicoli<br><br> SOGGETTI BENEFICIARI<br> Le imprese singole o associate, società cooperative, di consorzi, che rientrano nei parametri dimensionali e nella definizione di Piccole e Medie Imprese e di Microimprese. Sarà data priorità ai soggetti associati.<br><br> TIPOLOGIA D’AIUTO<br> Le risorse finanziarie, relative alla spesa pubblica, attivate sono pari ad euro 5.160.000,00 così distinte:<br> Comparti principali: 3.000.000,00<br> Altri comparti: 2.160.000,00<br> L’aiuto concesso nella presente misura sarà erogato sottoforma di contributo in conto capitale.<br> Il cofinanziamento degli investimenti sostenuti dalla Misura, potrà essere assistito dalla garanzia concessa da uno specifico Fondo di garanzia per l’accensione dell’operazione di prestito.<br> L’intensità di aiuto è pari al 50% delle spese ammissibili per imprese rientranti nella definizione di Piccole e medie imprese e di Microimprese.<br> Per le imprese che rientrano nei parametri dimensionali che occupano meno di 750 persone o il cui fatturato annuo non supera i 200 milioni di euro, l’intensità massima degli aiuti è del 25%.<br> Per l’imprese singole il massimale di spesa ammissibile (costo progetto) è pari a euro 300.000<br> Per gli altri beneficiari il massimale di spesa ammissibile (costo progetto) è pari a euro 600.000<br><br> SPESE AMMISSIBILI<br> Le spese ammissibili sono quelle legate agli investimenti ammissibili, le tipologie di investimenti ammissibili sono le seguenti:<br> Per investimenti materiali ed di tipo mobiliare ed immobiliare quali:<br> •costruzione adeguamento e/o ristrutturazione dei fabbricati nelle attività di lavorazione...

Leggi tutto
AVVISO CONCESSIONE AGEVOLAZIONI PMI BASILICATA
in News
OBIETTIVI<br> La Regione Basilicata sostiene gli investimenti delle PMI al fine di promuovere la crescita dimensionale, lo sviluppo competitivo e di valorizzare la produzione di beni e servizi.<br><br> SOGGETTI BENEFICIARI<br> Possono accedere alle agevolazioni le PMI con unità locale/sede legale in Basilicata, attive da almeno 6 mesi<br><br> TIPOLOGIA DI AIUTO<br> Sono ammissibili le iniziative che realizzano investimenti, concernenti la creazione, ampliamento o ammodernamento, ovvero la diversificazione della produzione, nonché il cambiamento fondamentale del processo produttivo complessivo di una unità locale esistente.<br> La Misura delle agevolazioni è definita in termini di intesità massima rispetto alle spese ammissibili calcolate in Esl fissato<br> •50% piccole imprese<br> •40% medie imprese<br> L’agevolazione può essere concessa nella forma di solo contributo in conto interessi o di contributo in conto interessi e contributo aggiuntivo in conto capitale.<br><br> Le agevolazioni si distinguono in Aiuti di importo limitato ed in aiuti in regime di esenzione. Per il primo l’agevolazione massima concedibile è pari a € 500.000,00. Per il secondo, l’agevolazione massima concedibile è pari a € 1.000.000,00.<br><br> SPESE AMMISSIBILI<br> Il bando prevede le seguenti tipologie di spese ammissibili:<br> •spese per progettazione e studi nel limite del 5%<br> •spese connesse all’investimento materiale ( acquisto di terreni, opere murarie e assimilate, impianti tecnologici generali acquisto di edifici)che non possono superare il 40% dell’investimento ammissibile<br> •macchinari ed attrezzature<br> •spese connesse all’investimento immateriale: brevetti e licenze funzionali all’esercizio.<br> •spese connesse all’acquisizione di servizi: consulenze finalizzate all’innovazione organizzativa, all’innovazione commerciale , all’acquisizione di certificazioni.<br> MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE<br><br> La presentazione delle domanda di ammissione alle agevolazioni dovrà avvenire esclusivamente in via telematica a decorrere dal giorno 25 febbraio 2010

BANDO MIS. 123 PSR BASILICATA
in News
Trasformazione e commercializzazione dei Prodotti agricoli<br> OBIETTIVI<br><br> L’azione A della misura 123 intende sostenere percorsi di modernizzazione e innovazione dei settori agro-alimentari regionali, migliorando la capacità tecnologica delle imprese e favorendo un maggiore coordinamento lungo le principali filiere produttive<br><br> SETTORI DI INTERVENTO<br> •Filiera ortofrutticola, prodotti freschi trasformati<br> •Filiera cerealicola<br> •Filiera oleicola e olivicola<br> •Filiera vitivinicola<br> •Filiera ortoflorovivaistica<br> •Filiere di nicchia, intese come colture per le quali non sono previste quote/soglie di produzione né regolamentazione di specifica OCM<br> •Miele e altri prodotti dell’apicoltura<br> •Piccoli frutti e funghi<br> •Filiera lattiero casearia<br> •Settore zootecnia da carne<br> •Filiera di zootecnia minore:avicoli di nicchi, bufali, struzzi, selvaggina, cunicoli<br><br> SOGGETTI BENEFICIARI<br> Le imprese singole o associate, società cooperative, di consorzi, che rientrano nei parametri dimensionali e nella definizione di Piccole e Medie Imprese e di Microimprese. Sarà data priorità ai soggetti associati.<br><br> TIPOLOGIA D’AIUTO<br> Le risorse finanziarie, relative alla spesa pubblica, attivate sono pari ad euro 5.160.000,00 così distinte:<br> Comparti principali: 3.000.000,00<br> Altri comparti: 2.160.000,00<br> L’aiuto concesso nella presente misura sarà erogato sottoforma di contributo in conto capitale.<br> Il cofinanziamento degli investimenti sostenuti dalla Misura, potrà essere assistito dalla garanzia concessa da uno specifico Fondo di garanzia per l’accensione dell’operazione di prestito.<br> L’intensità di aiuto è pari al 50% delle spese ammissibili per imprese rientranti nella definizione di Piccole e medie imprese e di Microimprese.<br> Per le imprese che rientrano nei parametri dimensionali che occupano meno di 750 persone o il cui fatturato annuo non supera i 200 milioni di euro, l’intensità massima degli aiuti è del 25%.<br> Per l’imprese singole il massimale di spesa ammissibile (costo progetto) è pari a euro 300.000<br> Per gli altri beneficiari il massimale di spesa ammissibile (costo progetto) è pari a euro 600.000<br><br> SPESE AMMISSIBILI<br> Le spese ammissibili sono quelle legate agli investimenti ammissibili, le tipologie di investimenti ammissibili sono le seguenti:<br> Per investimenti materiali ed di tipo mobiliare ed immobiliare quali:<br> •costruzione adeguamento e/o ristrutturazione dei fabbricati nelle attività di lavorazione...

Leggi tutto
AVVISO CONCESSIONE AGEVOLAZIONI PMI BASILICATA
in News
OBIETTIVI<br> La Regione Basilicata sostiene gli investimenti delle PMI al fine di promuovere la crescita dimensionale, lo sviluppo competitivo e di valorizzare la produzione di beni e servizi.<br><br> SOGGETTI BENEFICIARI<br> Possono accedere alle agevolazioni le PMI con unità locale/sede legale in Basilicata, attive da almeno 6 mesi<br><br> TIPOLOGIA DI AIUTO<br> Sono ammissibili le iniziative che realizzano investimenti, concernenti la creazione, ampliamento o ammodernamento, ovvero la diversificazione della produzione, nonché il cambiamento fondamentale del processo produttivo complessivo di una unità locale esistente.<br> La Misura delle agevolazioni è definita in termini di intesità massima rispetto alle spese ammissibili calcolate in Esl fissato<br> •50% piccole imprese<br> •40% medie imprese<br> L’agevolazione può essere concessa nella forma di solo contributo in conto interessi o di contributo in conto interessi e contributo aggiuntivo in conto capitale.<br><br> Le agevolazioni si distinguono in Aiuti di importo limitato ed in aiuti in regime di esenzione. Per il primo l’agevolazione massima concedibile è pari a € 500.000,00. Per il secondo, l’agevolazione massima concedibile è pari a € 1.000.000,00.<br><br> SPESE AMMISSIBILI<br> Il bando prevede le seguenti tipologie di spese ammissibili:<br> •spese per progettazione e studi nel limite del 5%<br> •spese connesse all’investimento materiale ( acquisto di terreni, opere murarie e assimilate, impianti tecnologici generali acquisto di edifici)che non possono superare il 40% dell’investimento ammissibile<br> •macchinari ed attrezzature<br> •spese connesse all’investimento immateriale: brevetti e licenze funzionali all’esercizio.<br> •spese connesse all’acquisizione di servizi: consulenze finalizzate all’innovazione organizzativa, all’innovazione commerciale , all’acquisizione di certificazioni.<br> MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE<br><br> La presentazione delle domanda di ammissione alle agevolazioni dovrà avvenire esclusivamente in via telematica a decorrere dal giorno 25 febbraio 2010

REGOLAMENTO REGIMI IN AIUTO IMPRESE TURISTICHE
in News
Approvato il Regolamento relativo agli incentivi al settore turismo per la Regione Puglia. A breve è prevista la pubblicazione del bando turismo.<br> In particolare il regolamento prevede DUE settori di intervento rivolti alle:<br> 1) Aiuti agli investimenti iniziali alle Piccole Imprese operanti nel settore turistico;<br> 2) Aiuti alle Medie Imprese ed ai Consorzi di Piccole e Medie Imprese per i Programmi Integrati di Investimento – PIA Turismo.<br> 1) Beneficiari delle agevolazioni: Piccole imprese Per avere accesso alle agevolazioni bisogna essere operativi alla data di presentazione della domanda di aiuto.<br> Progetti ammissibili a finanziamento:<br> Sono ammissibili alle agevolazioni progetti di investimento di importo minimo pari a € 30.000,00, che dovranno essere destinati a:<br> A)L’ampliamento, l’ammodernamento, e la ristrutturazione delle strutture turistico -alberghiere, con annesse attività correlate quali: bar, palestre, piscine, centri benessere.<br> B)La realizzazione di strutture turistico - alberghiere attraverso il recupero ed il restauro di una pluralità di trulli e case rurali esistenti, antiche masserie, torri e fortificazioni, castelli, immobili siti in borghi rurali o centri storici, ovvero immobili di particolare pregio storico-architettonico, compresa la realizzazione di strutture di bar, palestre, piscine, centri benessere.<br> C)La realizzazione o l’ammodernamento degli stabilimenti balneari, ivi compresi gli spazi destinati alla ristorazione e alla somministrazione di cibi e bevande, ai parcheggi e ai punti di ormeggio.<br> D)La realizzazione e/o la gestione di approdi turistici.<br> Forma e intensità delle agevolazioni concedibili<br> L’intensità di aiuto, calcolata in base ai costi ammissibili del progetto, non potrà superare il 40%.<br> L’aiuto sarà erogato in forma di contributo sugli interessi, relativo ad un finanziamento (mutuo) erogato da un Soggetto Finanziatore; il contributo è calcolato con riferimento alla durata massima del finanziamento:<br> a)sette anni per i finanziamenti destinati all’ampliamento, alla ristrutturazione e all’ammodernamento della struttura;<br> b)quattro anni per i finanziamenti destinati all’acquisto di macchinari, attrezzature, brevetti e licenze.<br> Le agevolazioni sono concesse su un importo massimo di 2.000.000,00 di euro.<br> Inoltre alle imprese può...

Leggi tutto
REGOLAMENTO REGIMI IN AIUTO IMPRESE TURISTICHE
in News
Approvato il Regolamento relativo agli incentivi al settore turismo per la Regione Puglia. A breve è prevista la pubblicazione del bando turismo.<br> In particolare il regolamento prevede DUE settori di intervento rivolti alle:<br> 1) Aiuti agli investimenti iniziali alle Piccole Imprese operanti nel settore turistico;<br> 2) Aiuti alle Medie Imprese ed ai Consorzi di Piccole e Medie Imprese per i Programmi Integrati di Investimento – PIA Turismo.<br> 1) Beneficiari delle agevolazioni: Piccole imprese Per avere accesso alle agevolazioni bisogna essere operativi alla data di presentazione della domanda di aiuto.<br> Progetti ammissibili a finanziamento:<br> Sono ammissibili alle agevolazioni progetti di investimento di importo minimo pari a € 30.000,00, che dovranno essere destinati a:<br> A)L’ampliamento, l’ammodernamento, e la ristrutturazione delle strutture turistico -alberghiere, con annesse attività correlate quali: bar, palestre, piscine, centri benessere.<br> B)La realizzazione di strutture turistico - alberghiere attraverso il recupero ed il restauro di una pluralità di trulli e case rurali esistenti, antiche masserie, torri e fortificazioni, castelli, immobili siti in borghi rurali o centri storici, ovvero immobili di particolare pregio storico-architettonico, compresa la realizzazione di strutture di bar, palestre, piscine, centri benessere.<br> C)La realizzazione o l’ammodernamento degli stabilimenti balneari, ivi compresi gli spazi destinati alla ristorazione e alla somministrazione di cibi e bevande, ai parcheggi e ai punti di ormeggio.<br> D)La realizzazione e/o la gestione di approdi turistici.<br> Forma e intensità delle agevolazioni concedibili<br> L’intensità di aiuto, calcolata in base ai costi ammissibili del progetto, non potrà superare il 40%.<br> L’aiuto sarà erogato in forma di contributo sugli interessi, relativo ad un finanziamento (mutuo) erogato da un Soggetto Finanziatore; il contributo è calcolato con riferimento alla durata massima del finanziamento:<br> a)sette anni per i finanziamenti destinati all’ampliamento, alla ristrutturazione e all’ammodernamento della struttura;<br> b)quattro anni per i finanziamenti destinati all’acquisto di macchinari, attrezzature, brevetti e licenze.<br> Le agevolazioni sono concesse su un importo massimo di 2.000.000,00 di euro.<br> Inoltre alle imprese può...

Leggi tutto
Result 391 - 400 of 478

  Archivio