Archivio per categoria:"News"

DISCIPLINA DEI CONTRATTI DI PROGRAMMA
in News
Con la pubblicazione del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 24.01.2008 è entrata in vigore la nuova disciplina dei contratti di programma riferita alle sole attività di carattere industriale.<br> Per le attività della filiera agricola e del settore turistico-alberghiero saranno pubblicati successivi provvedimenti dedicati.<br> La proposta di contratto di programma per la realizzazione di un progetto industriale può essere presentata da un’impresa di qualsiasi dimensione, denominata “soggetto proponente”.<br> I “soggetti beneficiari” delle agevolazioni sono il “soggetto proponente” ed, eventualmente, altre imprese, di qualsiasi dimensione che realizzano i programmi di investimento previsti dal “progetto industriale”, inteso come intervento complesso finalizzato alla produzione di beni e/o servizi e per la cui realizzazione sono necessari uno o più programmi di investimenti produttivi e, eventualmente, di sviluppo sperimentale strettamente connessi e funzionali tra di loro in relazione al processo di produzione dei prodotti finali.<br> L’importo complessivo degli investimenti produttivi previsti dal “progetto industriale” non deve essere inferiore a 40 milioni di euro.<br> Si precisa che all’interno dello stesso progetto industriale le soglie di accesso sono:<br> -“soggetto proponente” programma di investimento produttivo non inferiore a 25 milioni di euro;<br> -altri beneficiari: importo degli investimenti ammissibili di ciascun programma non inferiore a 1,5 milioni di euro.<br> Le agevolazioni possono essere concesse a fronte di programmi di investimento volti:<br> a)alla realizzazione di nuove unità produttive;<br> b)all’ampliamento di unità produttive esistenti;<br> c)alla diversificazione della produzione di un’unità produttiva in nuovi prodotti aggiuntivi;<br> d)ad un cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di un’unità produttiva esistente.<br><br> Al fine dell’accesso alle agevolazioni è necessario che i singoli programmi d’investimento siano inerenti ai seguenti comparti produttivi:<br> a)attività di cui alle sezioni C “Estrattivo” e D “Manifatturiero” della classificazione Istat 2002, con esclusione delle attività di trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli;<br> b)attività di produzione e distribuzione di energia elettrica e calore di cui alla sezione E, limitatamente alle classi 40.1 e...

Leggi tutto
BANDO GAL MERIDAUNIA
in News
ASSE I –“STRATEGIE TERRITORIALI DI SVILUPPO RURALE DI CARATTERE INTEGRATO PILOTA E SOSTENIBILI”<br> MISURA 1.2- “SOSTEGNO AL SISTEMA PRODUTTIVO”<br> AZIONE 1.2.1. “LE FILIERE DELL’AGROALIMENTARE DI QUALITA’<br> ” 1. OBIETTIVI<br> Valorizzare le produzioni agricole legate alla tradizione e alla tipicità del territorio interessato dal PSL “Meridaunia”.<br> 2. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ<br> 1. Sostegno ad investimenti nel settore della produzione,trasformazione e commercializzazione delle produzioni agricole nelle seguenti filiere: - filiere dei cereali, della pasta e dei prodotti da forno; - filiera dell’olio extra-vergine d’oliva - filiera delle produzioni lattiero-casearie; - filiera delle carni di qualità (con interesse particolare verso il maiale nero); - filiera viti-vinicola.<br> 2. si deve trattare di un approccio di filiera per cui saranno finanziati progetti pilota e dimostrativi replicabili sul territorio, in modo da stimolare gli operatori del settore a creare delle filiere produttive strutturate che si integrano con il settore finale della distribuzione.<br> 3. LOCALIZZAZIONE INTERVENTO<br> Comune di Anzano di Puglia, Accadia, Ascoli Satriano, Bovino, Candela, Castelluccio dei Sauri, Castelluccio Valmaggiore, Celle di San Vito, Deliceto, Faeto, Monteleone di Puglia, Orsara di Puglia, Panni, Rocchetta S. Antonio, Sant’Agata di Puglia, Troia, Lucera.<br> 4. BENEFICIARI<br> • Imprenditori agricoli, singoli o associati<br> • Cooperative e società che possono configurarsi come:<br> - microimprese ( che hanno cioè massimo di 9 dipendenti) costituite e/o da costituire attive e/o da attivare<br> - l’atto costitutivo o statuto deve prevedere l’esercizio di attività agricola nell’oggetto sociale - priorità per giovani disoccupati al di sotto dei 40 anni e da donne<br> • requisito per accesso al sostegno è il possesso di conoscenze e competenze professionali:<br> - i soggetti alla data della formulazione della graduatoria devono essere in possesso di uno dei seguenti requisiti:<br> a) laurea in Scienze agrarie, scienze forestali, veterinaria;<br> b) diploma di perito agrario o di agrotecnico; o diplomi universitari conseguibili presso le facoltà rilascianti i diplomi di laurea indicati;<br> c) se ha esercitato per almeno 3 anni attività agricola, in...

Leggi tutto
BANDO GAL MERIDAUNIA
in News
ASSE I –“STRATEGIE TERRITORIALI DI SVILUPPO RURALE DI CARATTERE INTEGRATO PILOTA E SOSTENIBILI”<br> MISURA 1.2- “SOSTEGNO AL SISTEMA PRODUTTIVO”<br> AZIONE 1.2.1. “LE FILIERE DELL’AGROALIMENTARE DI QUALITA’<br> ” 1. OBIETTIVI<br> Valorizzare le produzioni agricole legate alla tradizione e alla tipicità del territorio interessato dal PSL “Meridaunia”.<br> 2. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ<br> 1. Sostegno ad investimenti nel settore della produzione,trasformazione e commercializzazione delle produzioni agricole nelle seguenti filiere: - filiere dei cereali, della pasta e dei prodotti da forno; - filiera dell’olio extra-vergine d’oliva - filiera delle produzioni lattiero-casearie; - filiera delle carni di qualità (con interesse particolare verso il maiale nero); - filiera viti-vinicola.<br> 2. si deve trattare di un approccio di filiera per cui saranno finanziati progetti pilota e dimostrativi replicabili sul territorio, in modo da stimolare gli operatori del settore a creare delle filiere produttive strutturate che si integrano con il settore finale della distribuzione.<br> 3. LOCALIZZAZIONE INTERVENTO<br> Comune di Anzano di Puglia, Accadia, Ascoli Satriano, Bovino, Candela, Castelluccio dei Sauri, Castelluccio Valmaggiore, Celle di San Vito, Deliceto, Faeto, Monteleone di Puglia, Orsara di Puglia, Panni, Rocchetta S. Antonio, Sant’Agata di Puglia, Troia, Lucera.<br> 4. BENEFICIARI<br> • Imprenditori agricoli, singoli o associati<br> • Cooperative e società che possono configurarsi come:<br> - microimprese ( che hanno cioè massimo di 9 dipendenti) costituite e/o da costituire attive e/o da attivare<br> - l’atto costitutivo o statuto deve prevedere l’esercizio di attività agricola nell’oggetto sociale - priorità per giovani disoccupati al di sotto dei 40 anni e da donne<br> • requisito per accesso al sostegno è il possesso di conoscenze e competenze professionali:<br> - i soggetti alla data della formulazione della graduatoria devono essere in possesso di uno dei seguenti requisiti:<br> a) laurea in Scienze agrarie, scienze forestali, veterinaria;<br> b) diploma di perito agrario o di agrotecnico; o diplomi universitari conseguibili presso le facoltà rilascianti i diplomi di laurea indicati;<br> c) se ha esercitato per almeno 3 anni attività agricola, in maniera autonoma o in qualità di coadiuvante o dipendete...

Leggi tutto
PSR ABRUZZO MIS.1.2.4 VITIVINICOLO)
in News
Risulta in pubblicazione il Bando sulla Misura in oggetto concernente la richiesta di contributi pubblici per interventi tesi all’accrescimento del valore aggiunto dei rodotti agricoli e forestali.<br> In particolare l’Azione 1 prevede investimenti per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, risultando ammissibili al contributo pubblico le seguenti tipologie di investimento:<br> a) Interventi finalizzati all’adeguamento ed ammodernamento strutturale e tecnologico degli impianti per la trasformazione, stoccaggio, imbottigliamento e confezionamento ;<br> b) Realizzazione di impianti di trasformazione e commercializzazione di vini rientranti in sistemi di qualità riconosciuti (DOCG, DOC, IGT o provenienti da cultivar autoctone);<br> c) Investimenti presentati da strutture associative volti alla concentrazione dei mosti;<br> In particolare essi comprendono principalmente:<br> 1. le opere civili (costruzione e di ristrutturazione) utilizzate nelle attività di trasformazione e commercializzazione dei prodotti, stoccaggio delle scorte (compresi punti vendita aziendali e sale di degustazione);<br> 2. l’acquisto o adeguamenti tecnologico di impianti per la trasformazione e commercializzazione;<br> 3. acquisto di attrezzature e veicoli per il trasporto dei prodotti lavorati e per il miglioramento della logistica delle produzioni;<br> 4. acquisto di software e per la creazione di siti internet;<br> 5. certificazione dei prodotti;<br> 6. spese generali di progettazione.<br><br> Il Contributo erogabile in conto capitale (o anche in conto interesse) nella misura del 40% della spesa ammessa. Possono accedere:<br> a) piccole e medie imprese, prive di condizioni finanziarie anomale;<br> b) adempimento di tutte le obbligazioni di legge previste per l’attività;<br> c) dimostrazione di un normale funzionamento dei cicli produttivi ed economici dell’ultimo triennio.<br><br> MODALITA’ OPERATIVE<br> Vi sono alcune novità circa le modalità operative per chi è interessato a partecipare al Bando:<br> 1.) è necessario predisporre una “DOMANDA DI ADESIONE”, da inviarsi alla Regione<br> 2.) Possono entrare a finanziamento spese per investimenti già sostenuti a partire dal 01/01/2007 (a patto che siano citati nella domanda di adesione).<br> Si ritiene utile, tra l’altro evidenziare la documentazione iniziale che è necessario predisporre al fine...

Leggi tutto
PSR ABRUZZO MIS.1.2.4 VITIVINICOLO)
in News
Risulta in pubblicazione il Bando sulla Misura in oggetto concernente la richiesta di contributi pubblici per interventi tesi all’accrescimento del valore aggiunto dei rodotti agricoli e forestali.<br> In particolare l’Azione 1 prevede investimenti per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, risultando ammissibili al contributo pubblico le seguenti tipologie di investimento:<br> a) Interventi finalizzati all’adeguamento ed ammodernamento strutturale e tecnologico degli impianti per la trasformazione, stoccaggio, imbottigliamento e confezionamento ;<br> b) Realizzazione di impianti di trasformazione e commercializzazione di vini rientranti in sistemi di qualità riconosciuti (DOCG, DOC, IGT o provenienti da cultivar autoctone);<br> c) Investimenti presentati da strutture associative volti alla concentrazione dei mosti;<br> In particolare essi comprendono principalmente:<br> 1. le opere civili (costruzione e di ristrutturazione) utilizzate nelle attività di trasformazione e commercializzazione dei prodotti, stoccaggio delle scorte (compresi punti vendita aziendali e sale di degustazione);<br> 2. l’acquisto o adeguamenti tecnologico di impianti per la trasformazione e commercializzazione;<br> 3. acquisto di attrezzature e veicoli per il trasporto dei prodotti lavorati e per il miglioramento della logistica delle produzioni;<br> 4. acquisto di software e per la creazione di siti internet;<br> 5. certificazione dei prodotti;<br> 6. spese generali di progettazione.<br><br> Il Contributo erogabile in conto capitale (o anche in conto interesse) nella misura del 40% della spesa ammessa. Possono accedere:<br> a) piccole e medie imprese, prive di condizioni finanziarie anomale;<br> b) adempimento di tutte le obbligazioni di legge previste per l’attività;<br> c) dimostrazione di un normale funzionamento dei cicli produttivi ed economici dell’ultimo triennio.<br><br> MODALITA’ OPERATIVE<br> Vi sono alcune novità circa le modalità operative per chi è interessato a partecipare al Bando:<br> 1.) è necessario predisporre una “DOMANDA DI ADESIONE”, da inviarsi alla Regione<br> 2.) Possono entrare a finanziamento spese per investimenti già sostenuti a partire dal 01/01/2007 (a patto che siano citati nella domanda di adesione).<br> Si ritiene utile, tra l’altro evidenziare la documentazione iniziale che è necessario predisporre al fine della presentazione della domanda di adesione:<br> 1. Bilanci relativi agli ultimi tre anni di attività, regolarmente depositati presso la C.C.I.A.A., completi di stato...

Leggi tutto
BANDO IMPIANTI FOTOVOLTAICI
in News
Soggetti Beneficiari<br> Sono ammesse all’agevolazione di cui al presente decreto:<br> a) persone fisiche<br> b) persone giuridiche<br> c) soggetti pubblici<br> d) i condomini di unità abitative e/o di edifici<br> Tipologie d’aiuto<br> L’energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici, realizzati in conformità al presente decreto, da diritto ad una tariffa incentivante e sarà riconosciuta al soggetto responsabile per un periodo di 20 anni dalla data di entrate in esercizio dell’impianto.<br> La concessione dell’incentivo va da 0,36 euro/KWh per i grandi impianti industriali e cresce fino a 0,49 euro/KWh per i piccoli impianti domestici integrati negli edifici. Il premio delle tariffe incentivanti compete altresì, nella misura del 30% agli impianti operanti in regime di scambio sul posto, destinati ad alimentare, anche parzialmente, utenze ubicate all’interno o comunque asservite a unità immobiliari o edifici.<br> Iniziative ammissibili<br> La potenza nominale degli impianti deve essere non inferiore ad 1 KWp; gli impianti non superiori a 20 KWp sono considerati impianti non industriali e quindi non assoggettabili a verifica ambientale

BANDO IMPIANTI FOTOVOLTAICI
in News
Soggetti Beneficiari<br> Sono ammesse all’agevolazione di cui al presente decreto:<br> a) persone fisiche<br> b) persone giuridiche<br> c) soggetti pubblici<br> d) i condomini di unità abitative e/o di edifici<br> Tipologie d’aiuto<br> L’energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici, realizzati in conformità al presente decreto, da diritto ad una tariffa incentivante e sarà riconosciuta al soggetto responsabile per un periodo di 20 anni dalla data di entrate in esercizio dell’impianto.<br> La concessione dell’incentivo va da 0,36 euro/KWh per i grandi impianti industriali e cresce fino a 0,49 euro/KWh per i piccoli impianti domestici integrati negli edifici. Il premio delle tariffe incentivanti compete altresì, nella misura del 30% agli impianti operanti in regime di scambio sul posto, destinati ad alimentare, anche parzialmente, utenze ubicate all’interno o comunque asservite a unità immobiliari o edifici.<br> Iniziative ammissibili<br> La potenza nominale degli impianti deve essere non inferiore ad 1 KWp; gli impianti non superiori a 20 KWp sono considerati impianti non industriali e quindi non assoggettabili a verifica ambientale

BANDO FONTI RINNOVABILI ENERGIA
in News
BANDO PER LA PROMOZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E/O TERMICA TRAMITE AGEVOLAZIONI ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE, AI SENSI DEL D.M. n. 337/2000, art.5<br> (Bando aperto dal 26 febbraio 2007 )<br><br> Soggetti Beneficiari<br> Sono ammesse all’agevolazione di cui al presente bando, le piccole e medie imprese aventi i parametri dimensionali stabiliti dal decreto del Ministro dell’Industria, del Commercio e dell’artigianato del 18 settembre 1997 pubblicato sulla G.U. n. 229 del 1 ottobre 1997 anche raggruppate in consorzi e società consortili cui possono partecipare in misura minoritaria Enti Pubblici, nel rispetto della specifica normativa comunitaria in materia. Alla data di presentazione della domanda , tutti i soggetti devono già essere iscrittinel registro delle imprese , devono trovarsi in regime di contabilità ordinaria, nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non sottoposti a procedure concorsuali né ad amministrazione controllata ed aver chiuso ed approvato almeno un bilancio su base annuale.<br><br> Iniziative ammissibili<br> Possono essere ammessi a contributo esclusivamente i progetti che prevedono l’installazione di impianti per la produzione di energia elettrica e/o di calore da fonte rinnovabile riconducibile alle tipologie tecnologiche indicate nei punti seguenti.<br><br> 1. Impianti fotovoltaici<br> 2. Impianti eolici<br> 3. Impianti solari termici<br> 4. Impianti termici a cippato o pellets da biomasse<br> Tipologie d’aiuto<br><br> • Gli interventi relativi alla installazione di impianti fotovoltaici verranno finanziati, mediante la corresponsione di contributiin conto capitale, nella misura massina del 50% dei costi ammissibili per piccole e medie imprese , del 55% dei costi ammissibili per piccole e medie imprese se situate nelle regioni di cui all’art. 87, paragrafo 3, lett. c) del Trattato CE, del 60% dei costi ammissibili per piccole e medie imprese situate nelle regioni di cui all’art .87, paragrafo 3, lett.a) del medesimo Trattato.<br> • Gli interventi relativi all’installazione di impianti eolici verranno finanziati mediante la corresponsione di contributi in conto capitale, nella misura massima del 30%...

Leggi tutto
BANDO FONTI RINNOVABILI ENERGIA
in News
BANDO PER LA PROMOZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E/O TERMICA TRAMITE AGEVOLAZIONI ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE, AI SENSI DEL D.M. n. 337/2000, art.5<br> (Bando aperto dal 26 febbraio 2007 )<br><br> Soggetti Beneficiari<br> Sono ammesse all’agevolazione di cui al presente bando, le piccole e medie imprese aventi i parametri dimensionali stabiliti dal decreto del Ministro dell’Industria, del Commercio e dell’artigianato del 18 settembre 1997 pubblicato sulla G.U. n. 229 del 1 ottobre 1997 anche raggruppate in consorzi e società consortili cui possono partecipare in misura minoritaria Enti Pubblici, nel rispetto della specifica normativa comunitaria in materia. Alla data di presentazione della domanda , tutti i soggetti devono già essere iscrittinel registro delle imprese , devono trovarsi in regime di contabilità ordinaria, nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non sottoposti a procedure concorsuali né ad amministrazione controllata ed aver chiuso ed approvato almeno un bilancio su base annuale.<br><br> Iniziative ammissibili<br> Possono essere ammessi a contributo esclusivamente i progetti che prevedono l’installazione di impianti per la produzione di energia elettrica e/o di calore da fonte rinnovabile riconducibile alle tipologie tecnologiche indicate nei punti seguenti.<br><br> 1. Impianti fotovoltaici<br> 2. Impianti eolici<br> 3. Impianti solari termici<br> 4. Impianti termici a cippato o pellets da biomasse<br> Tipologie d’aiuto<br><br> • Gli interventi relativi alla installazione di impianti fotovoltaici verranno finanziati, mediante la corresponsione di contributiin conto capitale, nella misura massina del 50% dei costi ammissibili per piccole e medie imprese , del 55% dei costi ammissibili per piccole e medie imprese se situate nelle regioni di cui all’art. 87, paragrafo 3, lett. c) del Trattato CE, del 60% dei costi ammissibili per piccole e medie imprese situate nelle regioni di cui all’art .87, paragrafo 3, lett.a) del medesimo Trattato.<br> • Gli interventi relativi all’installazione di impianti eolici verranno finanziati mediante la corresponsione di contributi...

Leggi tutto
PATTO “PROSPETTIVA SUBAPPENNINO”
in News
(Bando aperto. Scadenza il 20/11/2006)<br> Soggetti Beneficiari<br><br> Piccole, Medie e Grandi Imprese che svolgono attività estrattive, manifatturiere, di gestione di strutture ricettive e fornitrici di servizi turistico-alberghiera, come alberghi, motel, villaggi-albergo, campeggi, villaggi turistici, ostelli per la gioventù.<br> Le aziende devono essere localizzate nei seguenti Comuni: Alberona, Biccari, Castelluccio dei Sauri, Castelluccio Valmaggiore, Castelnuovo della Daunia, Celenza Valfortore, Faeto, Lucera, Motta Montecorvino, Orsara di Puglia, Panni, Pietramontecorvino, Roseto Valfortore, Troia, Volturara Appula.<br><br> Iniziative ammissibili<br> &#61662; Nuovi impianti<br> &#61662; Ampliamenti<br> &#61662; Ammodernamenti<br> &#61662; Ristrutturazioni<br> &#61662; Riconversioni<br> &#61662; Riattivazioni<br> &#61662; Trasferimenti<br> I programmi d’investimento devono avere un importo complessimo superiore a € 600.000,00 per il settore industria e servizi e € 300.000,00 per il settore turismo.<br><br> Tipologie d’aiuto<br> Le agevolazioni concedibili consistono in: un contributo a fondo perduto nella misura massima di circa il 60%.

Result 411 - 420 of 425

  Archivio