News

Ultime News

NIDI – Nuove Iniziative d’Impresa
in News
L'obiettivo del Bando è quello di agevolare l’avvio di un’iniziativa imprenditoriale nella forma di microimpresa da parte di persone con difficoltà di accesso al mondo del lavoro.   Il Bando è rivolto a giovani con età tra 18 anni e 35 anni, Imprese Femminili, Nuove Imprese, Imprese Turistiche e prevede l’avvio di una nuova impresa nei seguenti macrosettori: attività manifatturiere attività agroalimentari (sono ammissibili se l’impresa non effettua la prima lavorazione del prodotto agricolo) costruzioni ed edilizia riparazione di autoveicoli e motocicli affittacamere e bed & breakfast imprenditoriale ristorazione con cucina (sono escluse le attività di ristorazione senza cucina quali bar, pub, birrerie, pasticcerie, gelaterie, caffetterie, ristorazione mobile, ) servizi di informazione e comunicazione attività professionali, scientifiche e tecniche agenzie di viaggio e-commerce (non potranno svolgere attività di commercio tradizionale al dettaglio o all’ingrosso) servizi di supporto alle imprese istruzione sanità e assistenza sociale non residenziale attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento (sono escluse le attività delle lotterie, scommesse e case da gioco) attività di servizi per la persona   Le spese di investimento che è possibile finanziare sono: macchinari di produzione, impianti, attrezzature varie e automezzi di tipo commerciale; programmi informatici non personalizzati; opere edili e assimilate. Per le sole Compagini Giovanili e le Imprese Femminili sono inoltre ammissibili costi di sviluppo di piattaforme B2B e B2C, sistemi di e-commerce proprietari e app mobile, nella misura massima di € 5.000. Le Imprese Turistiche devono realizzare investimenti in almeno due delle seguenti ulteriori tipologie di investimento sostenibile e innovativo: strumenti tecnologici connessi all’attività e finalizzati all’innovazione dei processi organizzativi e dei servizi per gli ospiti; sviluppo di piattaforme e app mobile, anche per la gestione di sistemi di prenotazione elettronica, nella misura massima di € 5.000; interventi per migliorare l’accessibilità della struttura alle persone con disabilità; mezzi di locomozione sostenibile destinati agli ospiti.   Per maggiori informazioni inviare i vostri recapiti telefonici e una breve descrizione dell’idea progettuale all’indirizzo e-mail info@cassandro.it.

NUOVO BANDO MACCHINARI INNOVATIVI
in News
A breve è prevista l’apertura dello sportello del nuovo Bando gestito dal Ministero dello Sviluppo Economico che agevola progetti innovativi legati a tecnologie 4.0, economia circolare e risparmio energetico, rivolto alle Micro, Piccole e Medie Imprese, in regime di contabilità ordinaria, che abbiano almeno 2 bilanci di esercizio depositati (ovvero 2 dichiarazione dei redditi per le imprese individuale e società di persona).   Il Bando è rivolto ad imprese operanti nel settore MANIFATTURIERO, ivi compreso il settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli (ad es. cantine, oleifici, impianti ortofrutticoli, molini, ecc.) (ESCLUSO SETTORE AGRICOLTURA) ed attività di SERVIZI (es. attività di logistica, attività di recupero rifiuti di origine industriale e commerciale, lavanderie industriali, ecc.)   Sono ammissibili alle agevolazioni le seguenti spese: a) macchinari, impianti e attrezzature “nuovi di fabbrica”, ivi compresi programmi informatici e licenze correlati al loro utilizzo; b) opere murarie.   Si evidenzia che saranno agevolati programmi di investimento con spese prevalenti coerenti con il piano Transizione 4.0, e sarà data priorità a quelli volti anche a: a) favorire la transizione dell’impresa verso l’economia circolare b) migliorare la sostenibilità energetica dell’impresa   Sono concesse agevolazioni a “fondo perduto” sino al 65%.   Per maggiori informazioni inviare i vostri recapiti telefonici e una breve descrizione dell’idea progettuale all’indirizzo e-mail info@cassandro.it.

Fondo per interventi volti a favorire lo sviluppo delle tecnologie e delle applicazioni di intelligenza artificiale, blockchain e internet of things
in News
È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 25 del 31 gennaio 2022 il decreto 6 dicembre 2021 del Ministero dello Sviluppo Economico che indica i criteri e modalità di utilizzo delle risorse del fondo per interventi volti a favorire lo sviluppo delle tecnologie e delle applicazioni di intelligenza artificiale, blockchain e internet of things. Il Fondo opera per perseguire gli obiettivi di politica economica e industriale, anche connessi agli ambiti di ricerca, sviluppo e innovazione tecnologica del Piano Transizione 4.0 per accrescere la competitività e la produttività del sistema economico affinché i processi di innovazione digitale possano generare crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, in raccordo con gli obiettivi di sviluppo fissati dall'Unione europea. Il Fondo finanzia i seguenti interventi: a) progetti di ricerca, sviluppo e innovazione da realizzare in Italia nelle aree strategiche per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale, della blockchain e dell’internet of things; b) iniziative competitive per il raggiungimento di specifici obiettivi tecnologici e applicativi.   Il Fondo finanzia, altresì, le attività di supporto operativo e amministrativo alla realizzazione dei progetti e delle iniziative di cui alle lett. a) e b) sopra elencate, al fine di valorizzarne i risultati e favorire il loro trasferimento verso il sistema economico produttivo, con particolare attenzione alle PMI.   SOGGETTI BENEFICIARI Gli interventi a valere sul Fondo sono proposti e realizzati da soggetti pubblici o privati, anche in forma congiunta tra loro.   PROCEDURA E AGEVOLAZIONI Le agevolazioni saranno concesse sulla base di una procedura valutativa con procedimento a sportello. Con successivi provvedimenti del ministero, da adottarsi entro sessanta giorni dall'entrata in vigore del presente provvedimento, saranno definite l'apertura dei termini e le modalità per la presentazione delle domande e per la concessione ed erogazione delle agevolazioni.   Le agevolazioni possono essere concesse in forma di: • Finanziamento agevolato; • Contributo in conto impianti; • Contributo in conto capitale; • Contributo diretto alla spesa; • Contributo in conto interessi; • Partecipazione al capitale di rischio (venture capital).

AVVISO SVILUPPO LOGISTICA PER IL SETTORE AGROALIMENTARE
in News
Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali nell’ambito delle Misure del PNRR, ha previsto una misura per i settori agroalimentare, pesca e acquacoltura, silvicoltura e florovivaismo per lo sviluppo della logistica. La misura sarà rivolta alle imprese singole e associate, organizzazioni di produttori, cooperative e consorzi, società di servizi e di gestione mercati all'ingrosso, operatori del trasporto nonché alle autorità portuali e alle amministrazioni pubbliche coinvolte nel processo di costruzione della misura. L'obiettivo della consultazione è duplice: informare il settore in merito al piano logistico per lo sviluppo di una filiera agroalimentare sostenibile previsto nell'ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza e raccogliere osservazioni e proposte dei portatori di interesse, che consentano la costruzione di dispositivi di attuazione efficaci. Gli obiettivi che l’Italia - e il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali - si pone con i nuovi interventi che verranno finanziati con i Fondi del PNRR sono volti a ridurre l’impatto ambientale dei trasporti agroalimentari, a migliorare la capacità di stoccaggio delle materie prime agricole e l’accessibilità economica delle imprese ai servizi interportuali e di snodo nonché la capacità logistica dei mercati all’ingrosso. La sfida che il Ministero e il settore sono chiamati ad affrontare è, pertanto, quella di garantire un sistema logistico efficiente e sostenibile attraverso lo sviluppo di sistemi e processi produttivi innovativi in grado di ridurre la generazione di sprechi alimentari e di incentivare una migliore e più equa distribuzione del valore lungo la catena di approvvigionamento Complessivamente, per la misura è stato previsto un importo pari a 800 milioni di euro. Verranno utilizzate le seguenti e modalità di finanziamento: agevolazioni concesse nella forma di contributo in conto capitale e/o di finanziamento agevolato, garanzie o prestito. Potranno essere ammesse alle agevolazioni le seguenti macro- tipologie di interventi ammissibili: a) investimenti in attivi materiali e attivi immateriali (es. strutture di stoccaggio e...

Leggi tutto
AVVISO PUBBLICO INTERVENTI IMPRENDITORIALI per la preselezione degli interventi imprenditoriali da proporre nel “Progetto Pilota Capitanata Innovativa e Sostenibile” a valere sul bando MISE 30 luglio 2021 per il riutilizzo delle economie dei Patti Territoriali
in News
Il presente avviso, ha come finalità la selezione di progetti imprenditoriali da inserire nel Progetto Pilota Capitanata Innovativa e Sostenibile. Gli “interventi” dovranno risultare in linea con la vision programmatica e con le priorità strategiche del “Progetto Pilota”.   BENEFICIARI Possono presentare domanda di inserimento nel Progetto Pilota PMI che realizzano interventi nel territorio coincidente con l’ambito territoriale dei seguenti comuni: Apricena - Ascoli Satriano - Cagnano Varano - Candela - Cerignola - Deliceto - Foggia - Ischitella - Isole Tremiti - Lesina - Manfredonia - Mattinata - Monte Sant'Angelo - Monteleone di Puglia - Poggio Imperiale - Rocchetta Sant'Antonio - San Giovanni Rotondo - San Marco in Lamis - San severo - Sant'Agata di Puglia - Vieste. Sono escluse le imprese operanti nella produzione primaria (aziende agricole)   INTERVENTI AMMISSIBILI Gli interventi, da presentarsi, dovranno, in via generale: riguardare la realizzazione di una nuova unità produttiva o l’ampliamento di una unità produttiva esistente mediante la diversificazione della produzione con nuovi prodotti aggiuntivi o il cambiamento fondamentale del processo produttivo complessivo; Detti costi riguardano: macchinari, impianti e attrezzature, strettamente necessari all’attività oggetto dell’iniziativa agevolata, dimensionati alla effettiva produzione; programmi informatici e licenze commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa AGEVOLAZIONI PREVISTE Le agevolazioni di cui al presente articolo sono concesse a titolo de minimis - ai sensi e nei limiti di quanto previsto dal Regolamento “de minimis”, che prevede un aiuto massimo concedibile per ciascuna impresa unica che non può superare l’importo di euro 200.000,00 nell’arco di tre esercizi finanziari. Le agevolazioni sono concesse, sotto forma di contributo a fondo perduto, per un importo pari al 70 (settanta) per cento dei costi ammissibili. Il contributo massimo concedibile è di euro 200.000 (duecentomila) per singola impresa e per singolo progetto di investimento. L’investimento minimo ammissibile è pari a euro 50.000.   MODALITA’ E TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Le domande devono essere presentate entro e non oltre il...

Leggi tutto
AVVISO DI CONSULTAZIONE TECNICA PNRR, MISSIONE 2 “RIVOLUZIONE VERDE E TRANSIZIONE ECOLOGICA” – COMPONENTE C1 – “ECONOMIA CIRCOLARE E AGRICOLTURA SOSTENIBILE” – INVESTIMENTO 2.2 – “PARCO AGRISOLARE”
in News
OBIETTIVI DELLA MISURA Gli obiettivi che l’Italia – e il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali – si prefiggono di realizzare con gli interventi finanziati coi Fondi del PNRR sono volti a ridurre l’impatto ambientale della filiera agroalimentare, incentivando l'installazione di pannelli fotovoltaici su una superficie complessiva, costituita da tetti di edifici a uso produttivo nei settori agricolo, zootecnico e agroindustriale – senza consumo di suolo.   DOTAZIONE FINANZIARIA Per la misura in esame sono stati complessivamente stanziati 1,5 miliardi di euro.   BENEFICIARI Imprenditori Agricoli Professionali (IAP), di cui al D.lgs. n. 99/2004 e D.lgs. 101/2005 Coltivatori Diretti (CD) iscritti alla previdenza agricola Imprese Agroindustriali (codice ATECO).  Sono esclusi i soggetti esonerati dalla tenuta della contabilità IVA (cioè aventi un volume di affari annuo inferiore ad € 7.000,00).   MASSIMALI, LIMITI ED ENTITA’ DELL’INCENTIVO Per ciascun beneficiario, la spesa massima ammissibile è pari a € 250.000,00 IVA esclusa La spesa specifica massima ammissibile, riferita agli interventi riconosciuti, è pari ad € 1.500,00/kWp (Kilowatt Picco). Per gli impianti fotovoltaici la potenza massima ammessa all’incentivo è pari a 300 kWp (Kilowatt Picco). Sono ammessi interventi che prevedano la realizzazione di impianti fotovoltaici di potenza non inferiore a 10 kWp (Kilowatt Picco). Agli interventi realizzati viene riconosciuto un incentivo in conto capitale fino al 65% della spesa massima ammessa, con un incremento del 25% per l’imprenditoria giovanile.   INTERVENTI AMMESSI A CONTRIBUTO Gli interventi ammessi all’agevolazione, da realizzare sui tetti di fabbricati strumentali all’attività agricola, zootecnica e agroindustriale, accatastati nel catasto dei fabbricati, prevedono: □ l’acquisto e la posa in opera di pannelli fotovoltaici, unitamente all’esecuzione di uno o più dei seguenti interventi: rimozione e smaltimento dell’amianto dai tetti: tale procedura deve essere svolta unicamente da ditte specializzate, iscritte nell’apposito registro e rispettando le vigenti norme in materia; realizzazione dell’isolamento termico dei tetti: la relazione tecnica del professionista abilitato dovrà descrivere e giustificare la scelta del grado di coibentazione previsto in ragione delle...

Leggi tutto
AVVISO PUBBLICO – Piano di Sviluppo industriale per il rilancio della Valbasento
in News
SOGGETTI BENEFICIARI Micro, Piccole, Medie e Grandi Imprese  che intendono realizzare un programma di investimento nelle aree industriali della Val Basento TIPI ED ENTITÀ DELL’AIUTO L’importo minimo del Piano di Sviluppo Industriale deve essere pari a: € 1.500.000,00 per la realizzazione di nuove iniziative; € 500.000,00 per investimenti di ampliamento, di diversificazione, per l’acquisizione di attivi direttamente connessi con uno stabilimento, per la riattivazione e al trasferimento di impianti esistenti; Il contributo massimo concedibile del Piano di Sviluppo Industriale non può superare l’importo di € 3.000.000,00. Per i progetti di investimenti produttivi possono essere concessi contributi in conto impianti, in conto interessi o in forma mista (25% per le grandi imprese, 35% per le medie imprese, 45% per le piccole imprese) N.B.: Occorre dimostrare di poter coprire l’investimento.  SPESE AMMISSIBILI Suolo aziendale (max 10% del progetto) Opere murarie e assimilate Sistemazioni del suolo e indagini geognostiche Acquisto opificio Macchinari, impianti ed attrezzature Programmi informatici Brevetti, licenze e know-how Installazione per sola finalità di autoconsumo. di impianti per la produzione e la distribuzione dell’energia termica ed elettrica ecc. Consulenza tecnica / ingegneristica Consulenza specialistica I beneficiari sono obbligati a garantire il mantenimento dei livelli di unità lavorative contemplate nel progetto per almeno 36 mesi a partire dall’anno di completamento dell’investimento. Il progetto per le sole nuove iniziative deve prevedere un incremento dei livelli occupazionali pari ad almeno - 2 ULA assunte per un investimento ammissibile fino a € 1.200.000,00, - 4 ULA assunte per un investimento ammissibile maggiore di € 1.200.000,00 e fino a € 3.000.000,00 - di almeno 7 ULA assunte per un investimento ammissibile superiore a €3.000.000,00. PROCEDURA DI PRESENTAZIONE La procedura di presentazione delle domande di agevolazione è a sportello telematico. Lo sportello telematico sarà aperto a partire dalle ore 8.00 del giorno 17/01/2022 e fino alle ore 18.00 del giorno 15/03/2022.  

NUOVO BANDO INAIL – ISI 2021
in News
NUOVO BANDO INAIL – ISI 2021     FINALITA’ Incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti   SOGGETTI BENEFICIARI     Imprese, anche individuali, iscritte alla C.C.I.A.A.   PROGETTI AMMESSI A FINANZIAMENTO Sono finanziabili le seguenti tipologie di progetto:   ·       Progetti di investimento ·       Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC)   ·       Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto   ·       Progetti per micro e piccole imprese agricole   FORME E INTENSITA’ DELL’AIUTO Per i Progetti di investimento, Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC) e per i Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto, il finanziamento è costituito da un contributo in conto capitale fino al 65% delle spese ritenute ammissibili, calcolate al netto dell’IVA, sostenute e documentate, per la realizzazione del progetto. Il progetto da finanziare deve essere tale da comportare un contributo compreso tra un minimo di Euro 5.000,00 ed un massimo di Euro 130.000,00 (il totale spese non deve superare un imponibile pari ad Euro 200.000,00)   Per i Progetti del settore agricolo, il finanziamento è costituito da un contributo in conto capitale (compreso tra un minimo di Euro 1.000,00 ed un massimo di Euro 60.000,00) fino al: ·       40%  per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli (il totale spese non deve superare un imponibile pari ad Euro 150.000,00)   ·       50% per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria, al cui interno operano i giovani agricoltori (il totale spese non deve superare un imponibile pari ad Euro 120.000,00)         PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA TELEMATICA L’Ente, come di consueto, metterà a disposizione una procedura informatica che consentirà di inserire la domanda di finanziamento con le modalità indicate negli Avvisi Regionali   La data di apertura della procedura informatica per la compilazione della domanda verrà presumibilmente pubblicata dal...

Leggi tutto
FONDO IMPRESA FEMMINILE
in News
Il Fondo Impresa Femminile ha lo scopo di promuovere e sostenere l’avvio ed il rafforzamento delle imprese femminili. Gli interventi sono articolati nelle seguenti linee di azione: Incentivi per la nascita e lo sviluppo delle Imprese Femminili Incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle Imprese Femminili Azioni per la diffusione della cultura e la formazione imprenditoriale femminile Le agevolazioni del Decreto possono essere cumulate con altri aiuti di Stato, anche de minimis, nei limiti previsti dalla disciplina europea in materia di aiuti di Stato di riferimento.   A chi si rivolge Possono beneficiare degli “incentivi per la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili” di cui alla precedente lettera a), le imprese femminili costituite da meno di dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, e le lavoratrici autonome in possesso della partita IVA aperta da meno di dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione. Possono presentare domanda, inoltre, le persone fisiche che intendono costituire una nuova impresa femminile. Possono beneficiare degli “incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili” di cui alla precedente lettera b), le imprese femminili costituite da almeno dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, e le lavoratrici autonome in possesso della partita IVA aperta da almeno dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione Il Fondo sostiene, inoltre, azioni per la diffusione della cultura e la formazione imprenditoriale femminile, attuate dal Soggetto gestore, sulla base di un piano di attività condiviso con il Ministero, attraverso iniziative per la promozione del valore dell'imprenditoria femminile nelle scuole e nelle università, per la diffusione di cultura imprenditoriale tra le donne, di orientamento e formazione verso percorsi di studio nelle discipline scientifiche, tecnologiche, ingegneristiche e matematiche, di sensibilizzazione verso professioni tipiche dell'economia digitale e attraverso azioni di comunicazione per diffondere la cultura femminile d'impresa e...

Leggi tutto
P.S.R. REGIONE BASILICATA 2014-2020 Sottomisura 6.1 – Aiuto all’avviamento di imprese per i giovani agricoltori Operazione 6.1.1 Incentivi per la costituzione di nuove aziende agricole da parte di giovani agricoltori
in News
Obiettivi Agevolare l’insediamento iniziale dei giovani agricoltori e l’adeguamento strutturale delle aziende agricole.   Soggetti beneficiari Persone di età compresa tra 18 anni (compiuti) e 41 anni (non compiuti), che possiedono adeguate qualifiche e competenze professionali e che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo dell’azienda.   Condizioni di ammissibilità e inammissibilità: E’ ammissibile all’aiuto: I beneficiari sono giovani di età non superiore a quaranta anni, ovvero quarantuno anni non compiuti, che si insediano per la prima volta in azienda agricola in qualità di capo azienda e che possiedono adeguate qualifiche e competenze professionali (titoli di studio in materia agronomico – forestale, attestati di frequenza corsi in materia agronomico – forestale, esperienza lavorativa) Il giovane agricoltore deve risultare insediato da non oltre 24 mesi. L'inizio dell’insediamento è identificato con la data in cui risulta, per la prima volta, l’apertura della partita IVA agricola. Nel caso in cui un giovane agricoltore non si insedia nell’azienda come unico capo della stessa, il richiedente deve risultare alternativamente: contitolare, nel caso di insediamento in società agricole di persone, ed avere poteri di rappresentanza ordinaria e straordinaria; socio amministratore di società di capitale o di società cooperative avente come unico oggetto la gestione di un’azienda agricola. L’azienda deve avere una dimensione economica espressa in termini di Produzione Lorda Standard non inferiore a 12.000,00 euro. Tale valore è ridotto ad € 8.000,00, qualora ricorra una di queste condizioni: l’insediamento avviene totalmente in area protetta (Parco nazionale o regionale, aree SIC e ZPS); l’insediamento avviene in Aree montane Non è ammissibile all’aiuto: A. la costituzione della nuova impresa da un frazionamento di un’azienda preesistente in ambito familiare (nell’ambito di relazioni parentali o di affinità di primo e secondo grado), se avvenuta successivamente al 1 gennaio 2021. B. il passaggio di titolarità dell’azienda, anche per quota, tra coniugi; C. l’erogazione di più di un premio di insediamento per azienda;   Dotazione finanziaria,...

Leggi tutto
Result 11 - 20 of 567

  Archivio