Archivio per categoria:"News"

Bando ricerca industriale e sviluppo sperimentale (R&S)
in News
Con decreto direttoriale 27 settembre 2018 sono stati stabiliti i termini e le modalità per la presentazione delle proposte progettuali.   OBIETTIVO Presentare progetti per la realizzazione di attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale, finalizzate alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti.     SOGGETTI BENEFICIARI • Imprese di qualsiasi dimensione che esercitano attività agroindustriali, artigiane o di servizi all’industria; • Centri di Ricerca. I predetti soggetti beneficiari possono presentare progetti anche congiuntamente tra loro e, nel settore applicativo “Agrifood”, possono partecipare come coo-proponente anche le imprese agricole.         AREE TEMATICHE   AGRIFOOD - Si riferisce a soluzioni tecnologiche per la produzione, la conservazione, la tracciabilità e la qualità dei cibi. In particolare: ·         Sviluppo dell’agricoltura di precisione e dell’agricoltura sostenibile ·         Sistemi e tecnologie per il packaging, la conservazione, la tracciabilità e la sicurezza delle produzioni alimentari ·         Nutraceutica, nutri-genomica, alimenti funzionali. FABBRICA INTELLIGENTE -  Si riferisce a soluzioni tecnologiche destinate: - all’ottimizzazione dei processi produttivi innovativi e di automazione industriale, - alle tecnologie di produzione di prodotti realizzati con nuovi materiali, - alla meccatronica, - alla robotica, ecc.          SPESE AMMISSIBILI a) personale dipendente o in rapporto di collaborazione, ad esclusione del personale con mansioni amministrative, contabili e commerciali; b) strumenti e attrezzature nuovi di fabbrica, nella misura (quote di  ammortamento) e per il periodo di utilizzo effettivo nel progetto; c) servizi di consulenza e gli altri servizi utilizzati per l’attività del progetto; d) spese generali (massimo 25% dei costi  ammissibili); e) materiali utilizzati per lo svolgimento del progetto.         PROGETTI AMMISSIBILI Sono previste due procedure per la concessione dell’aiuto PROCEDURA A SPORTELLO - progetti con costi ammissibili compresi tra 800 mila e 5 milioni di euro, - riferite ai soli progetti nelle Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Abruzzo, Molise e Sardegna, - durata compresa tra 18 e 36 mesi - massimo 3 soggetti proponenti per le iniziative congiunte, tra cui è possibile il coinvolgimento di imprese del...

Leggi tutto
BANDO MACCHINARI INNOVATIVI Regioni “Convergenza” (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia)
in News
  SOGGETTI BENEFICIARI Micro, Piccole e Medie Imprese che realizzino investimenti per un’attività economica manifatturiera, ivi compreso il settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli (ad es. cantine, oleifici, impianti ortofrutticoli, ecc.)     INVESTIMENTI AMMISSIBILI Le spese da sostenere: devono essere non inferiori a euro 500.000,00 e non superiori a euro 3.000.000,00 e devono riguardare beni nuovi di fabbrica    SPESE AMMISSIBILI Sono considerati innovativi gli investimenti relativi a: -          macchinari / impianti / sistemi produttivi gestiti da apparecchiature elettroniche -          sistemi di automazione industriale -          sistemi e programmi informatici -          sistemi e macchinari finalizzati alla riduzione degli impatti ambientali   AGEVOLAZIONE CONCEDIBILE (sovvenzione rimborsabile e fondo perduto) Le agevolazioni sono concesse  nella forma del contributo a fondo perduto e del finanziamento agevolato, per una percentuale pari al 75% delle spese ammissibili. Il finanziamento agevolato, non assistito da forme di garanzia, deve essere restituito dall’impresa beneficiaria senza interessi in un periodo della durata massima di 7 anni. Il mix di agevolazioni è articolato in relazione alla dimensione dell’impresa come segue:   • per le imprese di MICRO E PICCOLA dimensione: - un contributo a fondo perduto pari al 35 % - e un finanziamento agevolato pari al 40 %;   • per le imprese di MEDIA dimensione: - un contributo a fondo perduto pari al 25 % - e un finanziamento agevolato pari al 50 %.   presentazione domanda Con successivo decreto direttoriale si provvederà all’apertura dei termini per la presentazione delle domande                 INVESTIMENTI    €      1.000.000,00     MICRO E PICCOLA IMPRESA Fondo perduto   (35% di € 1.000.000,00) €      350.000,00 (pari al 35% dell’investimento) Importo da rimborsare allo Stato (40% di € 1.000.000,00)  €       400.000,00 (pari al 40% dell’investimento) Importo rata semestrale (tasso 0%) €       28.571,42 N. rate 14   MEDIA IMPRESA   Fondo perduto  (25% di € 1.000.000,00) €      250.000,00 (pari al 25% dell’investimento) Importo da rimborsare allo Stato (50% di € 1.000.000,00)  €      500.000,00 (pari al 50% dell’investimento) Importo rata semestrale (tasso 0%) €       35.714,28 N. rate 14      

BANDO PER MIGLIORAMENTI FONDIARI GAL MERIDAUNIA
in News
Beneficiari Agricoltori ai sensi dell’art. 4 comma 1 lett. a) del Reg. UE n. 1307/2013, con una Produzione Standard fra 5.000 e 15.000 euro (VEDI FASCICOLO AZIENDALE VALIDATO CON DOMANDA PAC 2018); Importi e aliquote di sostegno Progetti singoli  fra 20.000 e 200.000 di investimento al netto dell’IVA di cui il 50% è rimborsato come contributo pubblico (IVA non finanziabile); Costi Ammissibili: ammodernamento di fabbricati rurali per fini produttivi agricoli e zootecnici; attrezzature, arredi, hardware, software e attrezzature digitali, strettamente funzionali all’attività; Impianti di trasformazione/lavorazione e confezionamento dei prodotti aziendali Strutture di stoccaggio dei prodotti agricoli Investimenti funzionali alla vendita diretta delle produzioni aziendali; Impianti di colture arboree poliennali; Acquisizione brevetti e licenze; Impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili per autoconsumo aziendale nel limite max del 30% dell’investimento totale. Spese generali Presentazione della domanda: Modalità STOP and GO Apertura bando (1 tornata) per 60 giorni dalla data di pubblicazione sul BURP   Responsabile di Misura: GIOVANNI SANZIONE

INFORMATIVA BANDO PICCOLA RICETTIVITA’ – GAL MERIDAUNIA
in News
INFORMATIVA BANDO PICCOLA RICETTIVITA’ GAL MERIDAUNIA   Beneficiari   Microimprese e piccole imprese, nonché persone fisiche LOCALIZZAZIONE INTERVENTI 29 Comuni dei Monti Dauni in attuazione della Strategia dell’Area Interna Monti Dauni Accadia,    Alberona,    Anzano    di    Puglia,    Ascoli Satriano,      Biccari,   Bovino,   Candela,   Carlantino, Casalnuovo  Monterotaro,  Casalvecchio  di  Puglia, Castelluccio  dei  Sauri,  Castelluccio  Valmaggiore, Castelnuovo   della   Daunia,   Celenza   Valfortore, Celle    di    San    Vito,    Deliceto,    Faeto,    Motta Montecorvino,  Monteleone di  Puglia,  Orsara  di Puglia,    Panni,    Pietramontecorvino,    Rocchetta Sant’Antonio,  Roseto  Valfortore,  Sant’Agata  di  Puglia,  San  Marco  La  Catola,  Troia,    Volturara Appula, Volturino   Tipologia di investimenti ammissibili   Adeguamento di immobili per la creazione di strutture di piccola ricettività ovvero ampliamento: - affittacamere e case vacanze, - bed & breakfrast  solo ed esclusivamente in forma imprenditoriale, - albergo diffuso. Nel caso di ampliamento di struttura ricettiva già in essere, il progetto dovrà prevedere necessariamente la creazione di nuove stanze e posti letto Criteri di ammissibilità - Riguardare strutture edificate prima del 1967 - Strutture ubicate in aree omogenee E – borgo rurale - Nel caso di ristrutturazione di intere unità immobiliari a se stanti, miglioramento di almeno un livello della prestazione energetica (protocollo ITACA)   Importo investimento Sono agevolabili programmi di investimento di importo massimo pari ad euro 400.000,00. Il contributo a fondo perduto è pari al 50% della spesa ammessa fino ad un massimo di 200.000,00 euro.       Spese ammissibili Le spese ammissibili sono costituite da: 1. lavori di riqualificazione e adeguamento degli immobili; 2. arredi e attrezzature; 3. nuovi servizi complementari alla ricettività, (centri fitness, centri benessere, ecc.;) 4. attrezzatura per escursionismo e altre forme di turismo sostenibile (biciclette, bici a pedalata assistita, ecc.) e allestimento spazi per ricovero e/o manutenzione attrezzature; 5. allestimento di box per la custodia di cavalli e attrezzature per realizzare piccoli maneggi (se annesse alle aziende agricole); 6. acquisto immobile nel limite massimo del 10% della spesa massima concessa; 7. spese generali. Gli investimenti di cui ai punti 3, 4, 5, 6 e 7 sono ammissibili se il progetto prevede gli investimenti di cui ai...

Leggi tutto
OCM Vino – Campagna 2018/2019 – Misura “Ristrutturazione e riconversione dei vigneti”
in News
AREA DI INTERVENTO Intero territorio regionale pugliese.   SOGGETTI BENEFICIARI a) Impresa individuale agricola ; b)   Società di persone e capitali esercitanti attività agricola;                                                                                                     c)   Cooperative agricole di conduzione;                                                                                                                                                     CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ essere in possesso di un’autorizzazione ai reimpianto in portafoglio in corso di validità proveniente dall’estirpazione precedente di una equivalente superficie vitata; essere in possesso di almeno una dichiarazione di raccolta uve e produzione vino, per i titolari di vigneti, relativa alle ultime due campagne vitivinicole; aver costituito ed aggiornato il proprio fascicolo aziendale presso il CAA a cui è stato conferito il mandato; non avere beneficiato di altre agevolazioni finalizzate ad interventi strutturali disposte da programmi comunitari e/o da disposizioni statali o regionali negli ultimi dieci anni per il vigneto da ristrutturare;   REQUISITI TECNICI Le forme di allevamento ammesse sono quelle verticali (es. Spalliera, Guyot, Cordone Speronato, Alberello  ); Gli impianti dovranno garantire una densità minima di 3.000 piante/ettaro; Il materiale vivaistico da utilizzare deve essere certificato nel rispetto della Direttiva di esecuzione 2014/78/UE; Sono escluse le forme di allevamento orizzontali (Tendone); Non è ammesso il reimpianto della stessa particella con la stessa varietà secondo lo stesso sistema di coltivazione della vite;   SUPERFICIE MINIMA DI INTERVENTO La superficie minima ammissibile agli aiuti non potrà essere inferiore a 0,50 Ha; La superficie massima ammissibile agli aiuti non potrà essere superiore a 10 Ha;   CONTRIBUTO  Contributo a fondo perduto per i costi di ristrutturazione e riconversione del vigneto fino a un massimo di 18.000,00 € per ettaro.   SCADENZA Il termine ultimo per il rilascio della domanda è fissato alle ore 24.00 del 30 giugno 2018.

Bando Sottomisura 5.2: Sostegno a investimenti per il ripristino terreni agricoli e potenziale produttivo danneggiato da calamità naturali
in News
OBIETTIVI  Ripristinare il potenziale produttivo olivicolo danneggiato/distrutto dalla diffusione della fitopatia causata da Xylella Fastidiosa sub specie pauca LOCALIZZAZIONE INTERVENTI Superfici olivicole ricadenti in zona delimitata infetta ad eccezione delle zone per le quali lo stato membro non può autorizzare l'impianto di piante ospiti. BENEFICIARI  Imprese agricole che hanno subito la distruzione/danneggiamento del valore economico del patrimonio aziendale non inferiore al 30%. N.B. Sono esclusi gli enti pubblici. SPESE AMMISSIBILI Sostituzione piante di olivo danneggiate secondo quanto dettagliato nella tabella seguente: ALIQUOTA DI SOSTEGNO  100% INVESTIMENTO MINIMO E MASSIMO Minimo: euro 2.000,00 Massimo: euro 150.000,00 PRESENTAZIONE DELLA DOMANDE DI SOSTEGNO Dal 25/06/2018 al 14/09/2018   RIFERIMENTI Dott. Agr. Francesco Filannino 0883/314006 Dott. Agr. Angelo Vitobello 0883/314037      

OCM VINO MISURA “VENDEMMIA VERDE” – CAMPAGNA 2017/2018
in News
DESCRIZIONE DELLA MISURA Per vendemmia verde si intende l’eliminazione dei grappoli non ancora giunti a maturazione, riducendo a zero la resa della relativa unità vitata. La mancata raccolta, ossia il fatto di lasciare sulla pianta uva che potrebbe essere commercializzata al termine del normale ciclo di produzione, non è considerata vendemmia verde. SOGGETTI BENEFICIARI I viticoltori singoli o associati, società di persone e di capitali esercitanti attività agricola, cooperative agricole, organizzazioni di produttori vitivinicoli riconosciute ai sensi della normativa comunitaria e nazionale vigente, Consorzi di tutela e valorizzazione dei vini a Denominazione di Origine e Indicazione Geografica   LOCALIZZAZIONE   Intero territorio Regionale ENTITA’ DEL CONTRIBUTO PUBBLICO Il sostegno a favore della vendemmia verde consiste nell’erogazione di una compensazione, sotto forma di pagamento forfetario per ettaro pari a:   ü euro 4.640,42 per uva da vino generico raccolta con “metodo manuale”; ü euro 3.873,42 per uva da vino generico raccolta “metodo meccanico”.     REQUISITI DELLE UNITÀ VITATE   ü La superficie vitata per la quale si chiede l’aiuto previsto dalla Misura “Vendemmia Verde” non può essere inferiore ad ettari 0,3 e superiore ad ettari 5; ü La superficie vitata ammissibile alla Misura Vendemmia Verde deve essere stata inserita nella dichiarazione di vendemmia e/o produzione della corrente campagna vitivinicola (2017/2018) e di quella precedente (2016/2017), dalla quale si sono ottenute uve destinate alla produzione di vino generico; ü La stessa superficie vitata non può essere ammessa all’aiuto per due anni consecutivi (non ha beneficiato di un aiuto alla vendemmia verde nella precedente campagna); ü Le unità vitate inserite nello schedario viticolo devono essere: 1.       coltivate con varietà di uve da vino; 2.       in buone condizioni vegetative; 3.       impiantate da almeno quattro campagne (prima del 31/07/2014).     SCADENZA TERMINI   Il termine ultimo per il rilascio nel portale SIAN delle domande è fissato alle ore 24,00 del 23 Maggio 2018.

P.S.R. REGIONE BASILICATA 2014-2020 Sottomisura 6.1 – Aiuto all’avviamento di imprese per i giovani agricoltori Operazione 6.1.1 Incentivi per la costituzione di nuove aziende agricole da parte di giovani agricoltori
in News
Obiettivi Agevolare l’insediamento iniziale dei giovani agricoltori e l’adeguamento strutturale delle aziende agricole.   Soggetti beneficiari Persone di età compresa tra 18 anni (compiuti) e 41 anni (non compiuti), che possiedono adeguate qualifiche e competenze professionali e che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo dell’azienda.   Condizioni di ammissibilità e inammissibilità: E’ ammissibile all’aiuto: I beneficiari sono giovani di età non superiore a quaranta anni, ovvero quarantuno anni non compiuti, che si insediano per la prima volta in azienda agricola in qualità di capo azienda e che possiedono adeguate qualifiche e competenze professionali (titoli di studio in materia agronomico – forestale, attestati di frequenza corsi in materia agronomico – forestale, esperienza lavorativa) Il giovane agricoltore deve risultare insediato da non oltre 24 mesi3 . L'inizio dell’insediamento è identificato con la data in cui risulta, per la prima volta, l’apertura della partita IVA agricola. Nel caso in cui un giovane agricoltore non si insedia nell’azienda come unico capo della stessa, il richiedente deve risultare alternativamente: a. contitolare, nel caso di insediamento in società agricole di persone, ed avere poteri di rappresentanza ordinaria e straordinaria; b. socio amministratore di società di capitale o di società cooperative avente come unico oggetto la gestione di un’azienda agricola. L’azienda deve avere una dimensione economica espressa in termini di Produzione Lorda Standard non inferiore a 10.000,00 euro e non superiore a 150.000,00 euro   Non è ammissibile all’aiuto: la costituzione della nuova impresa da un frazionamento di un’azienda preesistente in ambito familiare (nell’ambito di relazioni parentali o di affinità di primo e secondo grado), se avvenuta successivamente al 1 gennaio 2014. il passaggio di titolarità dell’azienda, anche per quota, tra coniugi; l’erogazione di più di un premio di insediamento per azienda; l’insediamento in aziende che hanno beneficiato dell’aiuto a valere sulla Misura 112 “Insediamento di giovani agricoltori” della programmazione 2007/2013; l’insediamento di un giovane già...

Leggi tutto
Regione Molise – Azione 4.2.1 “Incentivi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese e delle aree produttive compresa l’installazione di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile per l’autoconsumo, dando priorità all’alta efficienza”
in News
  FINALITA’ La misura finanzia interventi diretti alla riduzione dei consumi energetici delle imprese e l’introduzione nelle stesse di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile per l’autoconsumo Incoraggia l’integrazione di fonti di produzione di energia e gli investimenti finalizzati alla loro gestione associata, anche per la realizzazione di distretti energetici ad alta efficienza, in grado di condividere il surplus energetico e soddisfare le differenti esigenze energetiche, termiche ed elettriche         SOGGETTI BENEFICIARI       Sono ammesse al sostegno le micro, piccole e medie imprese (PMI) iscritte al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura competente per territorio, e che siano in possesso di partita IVA; sono concessi aiuti in favore di imprese di qualsiasi settore di attività comprese le aziende agroalimentari, ad eccezione delle aziende che rientrano nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli.    LINEE DI INTERVENTO   A –diagnosi energetica B- Interventi di efficienza energetica:1) installazione d’impianti di cogenerazione ad alto rendimento; 2) interventi finalizzati all'aumento dell'efficienza energetica nei processi produttivi, diretti a ridurre i consumi energetici tali da determinare un significativo risparmio annuo di energia primaria3) interventi finalizzati all'aumento dell'efficienza energetica dell’immobile oggetto della sede operativa4) sostituzione puntuale di sistemi e componenti a bassa efficienza con altri a maggiore efficienza energetica; 5) installazione di nuove linee di produzione ad alta efficienza energetica, nonché interventi che mirano all’efficientamento d’impianti già esistenti. 6) realizzazione di piccole infrastrutture di rete (micro-grid) per la condivisione del surplus energetico la cui energia prodotta non sia finalizzata alla vendita. C - Interventi di installazione di impianti da fonti rinnovabili la cui energia prodotta sia interamente destinata all'autoconsumo della sede operativa oggetto del programma d’investimento candidato L’intervento della tipologia A deve essere candidato obbligatoriamente insieme agli interventi della tipologia B e/o C. Non sono ammissibili ad agevolazione i programmi di investimento che prevedono il solo intervento della tipologia A o il...

Leggi tutto
SOSPENSIONE ATTIVITA’ LAVORATIVA MERCOLEDI’ 21 MARZO DALLE ORE 13.30 ALLE ORE 16.30
in News
Gent.mi, Mercoledì 21 marzo dalle ore 13.30 alle ore 16.30 lo Studio Cassandro sarà chiuso per lavori alla centrale elettrica. Le normali attività riprenderanno dalle ore 16.30 in poi. Cordialmente Cassandro srl

Result 41 - 50 of 430

  Archivio